Incendiò la casa del vicino invalido: 57 arrestato nel Milanese

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 28 gen. (askanews) - Un 57enne residente a Cinisello Balsamo, pregiudicato, è stato arrestato dai carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Milano per circonvenzione d'incapace e tentato omicidio aggravato, su ordinanza di custodia cautelare in carcere del Gipdi Monza. L'uomo, disoccupato, in concorso con un 55enne residente ad Arcore, aveva appiccato il fuoco alla porta d'ingresso del vicino di casa, un 58enne italiano invalido al 100% in quanto affetto da "psicosi. Nell'incendio era rimasto coinvolto il complice 55enne che, in seguito alle gravi ustioni riportate, era deceduto due giorni dopo presso l'Ospedale Niguarda di Milano, e provocato ustioni di II e III grado sul 45% del corpo al 58enne che veniva trasportato al reparto grandi ustionati dello stesso Nosocomio.

L'arrestato, è emerso dalle indagini, approfittando dello stato d'infermità del vicino e manipolandolo, già dal 2016 lo aveva indotto ad affidargli la gestione della propria pensione d'invalidità da 800 euro mensili, facendosi consegnare anche la tessera Bancomat, in cambio dell'impegno a garantirgli i pasti e il pagamento delle utenze domestiche ma rendendolo del tutto dipendente anche per le spese ordinarie. L'incendio, appiccato a scopo intimidatorio, verosimilmente è riconducibile al rifiuto della vittima di consegnargli, dietro ulteriori richieste, anche i propri risparmi.