Incendi Australia, arriva la pioggia ma emergenza rimane alta

webinfo@adnkronos.com

Il sud est dell'Australia, devastato dagli incendi incontrollati, ha visto cadere stamani un po' di pioggia, che ha alleviato le condizioni in cui versa la regione. Tuttavia, nella capitale Canberra la qualità dell'aria rimane a rischio, a causa del fumo causato dai roghi. 

Cosa sta succedendo 

La polizia del New South Wales ha confermato oggi la morte di un uomo di 71 anni. Si tratta della 25esima vittima di questa devastante stagione degli incendi, iniziata a settembre, nella quale sono già andate distrutte oltre duemila abitazioni. L'uomo era stato avvistato l'ultima volta il 31 dicembre. Il suo corpo è stato ritrovato a Nerrigundah, nell'Eurobodalla Shire. 

Nonostante la pioggia, gli incendi attivi nel New South Wales rimangono oltre 140, tutti al livello di allerta più basso. Nello stato di Victoria, i focolai sono 39, nessuno dei quali a livello di emergenza. La pioggia ha però consentito un po' di sollievo ai vigili del fuoco e a quanti sono impegnati nella battaglia contro le fiamme e ha permesso ai soccorritori di portare gli aiuti anche alle comunità più isolate.  

Nella città costiera di Mallacoota, rimangono in attesa di evacuazione circa 300 persone, dopo che il fumo ha costretto gli aerei di soccorso a rimanere a terra. A Canberra, uffici pubblici, musei, parchi, attività commerciali e università rimangono chiusi e le autorità hanno chiesto alla popolazione di rimanere in casa, a causa dell'aria resa irrespirabile dal fumo.