Incendi in Europa, per l’Onu “il peggio deve ancora arrivare”

A Canadair aircraft makes a water drop as a wildfire burns in the Pikermi suburb of Athens, Greece, July 20, 2022. REUTERS/Louiza Vradi
Incendi in Europa, per l’Onu “il peggio deve ancora arrivare” REUTERS/Louiza Vradi

Non solo Carso e Versilia: l'Europa è nella morsa nel caldo rovente, che continua a causare numerosi incendi (e altrettante vittime). E' emergenza e la situazione appare allarmante. Alla piaga del caldo si aggiunge il problema della siccità. A mettere in guardia sui rischi futuri è l'Onu.

VIDEO - Incendi sul Carso e in Versilia, 200 vigili del fuoco impegnati

Non si placa l'ondata di caldo più potente degli ultimi anni, che sta causando non pochi problemi in tutta Europa. La comunità scientifica non ha dubbi: è una conseguenza del cambiamento climatico. Sono centinaia i roghi sparsi per il Vecchio continente. L'Onu intanto lancia un allarme. Infatti, secondo l'Organizzazione meteorologica mondiale (WMO) delle Nazioni Unite, "il peggio deve ancora arrivare". Il caldo insopportabile che sta accompagnando l'estate 2022 potrebbe essere solo il primo di una lunga serie. Nei prossimi anni non si escludono intense ondate di calore che genereranno nuovi incendi, anche a latitudini finora inedite. Controllare le fiamme potrà diventare sempre più complesso.

LEGGI ANCHE: Il nuovo allarme dell'Onu: "L'umanità va verso un suicidio collettivo"

Il caldo infiamma l'Europa, con temperature record un po' ovunque. Il Regno Unito tocca i 40 gradi e il sud-ovest della Francia registra i più grandi incendi degli ultimi 30 anni. Dal 12 luglio, inoltre, la Regione di Gironda è devastata alle fiamme. Finora sono bruciati oltre 20.300 ettari.

GUARDA ANCHE - Fuori controllo in tutta Europa gli incendi boschivi

Non sono esenti dagli incendi i Balcani, l'Europa orientale, i Paesi Bassi, la Grecia e l'Italia. A preoccupare maggiormente è la Spagna. Lo ha detto chiaramente il direttore generale della Protezione Civile iberica, Leonardo Marcos, che ha definito la situazione come “l’emergenza più importante" da quando è possibile elaborare statistiche. La provincia di Zamora è una delle aree più colpite, dove sono già state evacuate 5.800 persone da 34 nuclei urbani.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli