Incendio ad Alessandria, esplosa una cascina: confermato il dolo

incendio alessandria

Tragedia all’alba nell’alessandrino. Tre vigili del fuoco sono morti nel corso di un’esplosione che ha interessato una cascina a Quargnento, un paese agricolo situato al confine con il Monferrato. Un collega è invece stato ritrovato vivo, ferito ad una gamba ma fuori pericolo così come altri due colleghi. I Carabinieri sono intervenuti per stabilire le cause della deflagrazione e chiarirne la dinamica: al momento gli inquirenti non si sentono di escludere alcuna ipotesi, compreso il dolo.

Incendio ad Alessandria: due esplosioni

Sul posto sono rapidamente accorsi i soccorritori del 118 e le forze dell’ordine. Stando alle prime informazioni la cascina sarebbe disabitata, motivo per il quale, oltre ai due vigili del fuoco, non ci sarebbero altri coinvolti. I soccorritori hanno comunque avviato, in via precauzionale, le operazioni di ricerca di eventuali dispersi. Nel frattempo sono state avviate le indagini: secondo una prima ricostruzione, l’edificio sarebbe stato interessato da una doppia deflagrazione, ma a tal proposito le informazioni sono discordanti. Pare infatti che i pompieri siano intervenuti per un principio d’incendio e solo una volta arrivati sul posto sarebbe stati travolti dall’esplosione.

Indagini in corso

Al momento, dunque, non sono state diffuse notizie certe al di fuori di quella della morte dei tre pompieri dei quali però non è stata resa nota l’identità. Dopo aver svolto i rilievi di riti sul luogo dell’esplosione le forze dell’ordine saranno in grado di ricostruire al meglio la dinamica e dunque anche la natura della deflagrazione.

Confermato il dolo

Si fa sempre più strada l’ipotesi di incendio doloso. I pompieri intervenuti in soccorso dei colleghi caduti hanno infatti trovato tra le macerie alcuni resti che fanno ipotizzare la presenza di inneschi sulle bombole del gas e un timer impostato per l’una e 30 che sarebbe servito per comandare esplosioni a distanza. Gli inquirenti hanno già convocato il proprietario della cascina e lo hanno interrogato in relazione ad alcuni problemi economici.

Il cordoglio delle autorità

Sono numerosi i volti della politica e le autorità che hanno voluto porgere il proprio cordoglio e la propria vicinanza al corpo dei vigili del fuoco e alle famiglie delle vittime, 3 pompieri intervenuti nella cascina e investiti dalla deflagrazione.

Sergio Mattarella

Ho appreso con profonda tristezza la notizia del decesso, durante un intervento in provincia di Alessandria, dei Vigili del Fuoco Antonino Candido, Marco Triches e Matteo Gastaldo. In questa dolorosa circostanza desidero esprimere al corpo nazionale dei Vigili del Fuoco la mia solidale vicinanza, rinnovando il profondo sentimento di fiducia e di riconoscenza per la generosa dedizione al servizio della collettività“.

Matteo Salvini

Una preghiera e un pensiero per i Vigili del Fuoco morti questa notte. Un abbraccio alle famiglie e ai colleghi feriti. Onore a chi mette in gioco la propria vita per salvare quella degli altri, l’Italia piange per Voi“.

Luigi Di Maio

Un abbraccio in questo momento di dolore alle famiglie dei Vigili del Fuoco morti in servizio vicino ad Alessandria e un augurio di pronta guarigione ai feriti. Il mio pensiero va a chi ogni giorno rischia la propria vita al servizio del nostro Paese“.

Giuseppe Conte

La morte di tre Vigili del Fuoco a Quargnento addolora tutta l’Italia. Il mio commosso pensiero alle vittime e un abbraccio alle famiglie e ai feriti, Solidarietà e pieno sostegno ai Vigili del Fuoco, eroi sempre in prima linea per garantire la nostra incolumità“.