Incendio alla stazione Termini di Roma

Incendio Roma Termini
Incendio Roma Termini

Alla stazione Termini di Roma, un incendio ha creato il panico tra i residenti e i viaggiatori. Le fiamme e il fumo erano accanto ad una delle entrate laterali della stazione ferroviaria, per la precisione in via Marsala. Al moemnto si conta una persona intossicata dal fumo, ma potrebbero aumentare i feriti.

Roma, terribile incendio alla stazione Termini: ci sono già persone intossicate

La dinamica dell’incendio non è ancora chiara. Molti pensano che abbiano preso fuoco dei motorini o delle macchine, l’Adnkronos ha riportato invece che le fiamme sono scatenate da una baracca di un senza tetto che ha preso fuoco. Fortunatamente al momento l’incendio è stato spento e non dovrebbero esserci feriti. La stazione di Roma Termini non ha subito danni, solo che i passeggeri e gestori dei negozi dell’importante scalo ferroviario hanno inalato la nube tossica del rogo.

I soccorsi, l’arrivo dei vigili del fuoco e i danni

L’incendio risale alle 17.30 circa e la zona è quella di Via Marsala, 56, dove si trova il bar Binario Zero Caffè, che è stato fatto evacuare. È successo tutto all’improvviso, nemmeno il tempo di accorgersi di cosa stesse succedendo. I passanti sono scappati e i vigli sono arrivati immediatamente. Tra le persone in zona, una donna è rimasta intossicata dalla nube nera che era visibile da quasi tutta la città. Oltre ai pompieri sono arrivati subito anche i sanitari del 118 che fortunatamente non hanno dovuto soccorrere nessuno se non la donna intossicata. I danni sono solo ad oggetti, tra questi: almeno 10 motorini e i tavolini esterni del bar nella zona dell’incendio.

I social impazziscono

Sui principali Social, soprattutto su Twitter, la persone appena arrivate a Roma attraverso il trasporto ferroviario si sono interrogate su cosa fosse successo. Non solo i pendolari, ma anche i cittadini romani che abitano nei quartieri vicini e coloro che si trovavano per caso o per qualche motivo in quella zona. Preoccupati anche i turisti e i cittadini stranieri residenti nella capitale.