Incendio Avellino, dopo ore di lavoro domate le fiamme

Psc

Napoli, 13 set. (askanews) - Dopo quasi sette ore è del tutto domato l'incendio che ha coinvolto lo stabilimento Ics di Pianodardine, la zona industriale di Avellino. La situazione è apparsa sotto controllo intorno alle 18, quando i vigili del fuoco provenienti non solo dal capoluogo irpino ma anche da Napoli, Salerno e Benevento, hanno prima spento le fiamme all'esterno della fabbrica, che produce componenti plastici per batterie di auto, e poi si sono concentrati sull'interno del capannone. I caschi rossi sono intervenuti con autobotti da terra e anche con le autoscale per pompare acqua sul tetto dello stabilimento mentre un elicottero dei carabinieri forestali ha monitorato le operazioni di spegnimento dall'alto. Attenuata anche la densa nube nera che si era levata su gran parte dell'Avellinese costringendo il prefetto, Maria Tirone, a dichiarare lo stato di emergenza e a chiedere ai cittadini di chiudere porte e finestre e di limitare gli spostamenti unicamente se necessari. Solo nella giornata di domani si potrà conoscere il livello di inquinamento dell'aria, grazie alle centraline mobili installate nell'area industriale di Pianodardine dall'Arpac, intanto il sindaco di Avellino, Gianluca Festa e altri suoi colleghi del comprensorio hanno disposto la chiusura delle scuole e dei mercati all'aperto per la giornata di domani. Fortunatamente non si sono registrati vittime o feriti, ma adesso la magistratura dovrà chiarire le cause del rogo. Intanto si sta lavorando per verificare la staticità dei capannoni incendiati.