Gran Canaria, 8mila evacuati

webinfo@adnkronos.com

Sono circa 8.000 le persone costrette ad abbandonare case ed alberghi per l'incendio che sta devastando l'isola di Gran Canaria. Il ministro dell'Agricoltura spagnolo Luis Planas è atteso a Valleseco, dove resta critica la situazione per l'incendio che ha finora distrutto circa 3.400 ettari di terreno. Nella notte il presidente delle Canarie, Angel Víctor Torres, ha tenuto una conferenza stampa e definito le fiamme ancora ''indomabili'', dicendo che l'incendio è al momento ''impossibile da estinguere''. Torres ha confermato che è prioritaria la sicurezza delle persone e che non si escludono nuove evacuazioni. 

Dalle prime ore del giorno sono al lavoro oltre 700 uomini, mentre 16 velivoli - compresi 4 Canadair - sono attivi nel tentativo di domare le fiamme. Come evidenzia 'El Pais', l'obiettivo al momento è evitare che l'incendio si allarghi ad est e ad ovest, dove le fiamme minaccerebbero altre abitazioni. Il fronte principale dell'incendio sta divorando la riserva naturale di Tamadaba, con fiamme alte oltre 50 metri.