Incendio a Milano, i risultati delle analisi: "Pannelli altamente infiammabili”

·2 minuto per la lettura
incendio Milano analisi
incendio Milano analisi

Ha lasciato sconcertati quanto successo in un grattacielo moderno e lussuoso della città meneghina, completamente devastato dalle fiamme che nell’arco di pochi minuti hanno avvolto il palazzo. In seguito all’incendio che ha coinvolto (e distrutto) Torre dei Moro a Milano, sono state condotte le prime analisi per fare chiarezza sull’accaduto, comprendere come sia scoppiato il rogo e attribuire eventuali responsabilità. Dai risultati emersi finora, pare che i pannelli di copertura fossero stati realizzati con materiale combustibile.

Incendio a Milano, i risultati delle prime analisi

Dalle analisi di laboratorio condotte dal Nucleo Investigativo Anticendio è emerso che i pannelli del rivestimento esterno del grattacielo erano stati realizzati con un materiale plastico sintetico altamente infiammabile che, stando a quanto evidenziato in seguito a ulteriori accertamenti, ad alte temperature si scioglierebbe.

I pannelli avebbero quindi fatto da conduttore, alimentando il rogo nell’arco di soli 7 minuti.

Incendio a Milano, le parole dei condomini in seguito alle analisi

Il pm aveva già parlato di rivestimenti non ignifughi e criticità nel sistema antincendio. In seguito alle primi analisi, si scatena l’ira (più che comprensibile) dei condomini.

Una dei residenti ha fatto sapere che era stato comunicato che i pannelli di rivestimento fossero ignifughi. La stessa azienda che si è occupata del cappotto termico aveva scritto sul suo sito: “Trattandosi di un edificio di notevole altezza con una particolare criticità nei riguardi della protezione da un incendio esterno alla facciata, per l’isolamento a cappotto è stato scelto un materiale isolante incombustibile come la lana di vetro al posto del materiale isolante plastico comunemente utilizzato in questa applicazione”.

Incendio a Milano, i risultati delle prime analisi: inchiesta ancora incorso

Proseguono le indagini in seguito alle prime analisi condotte. Restano da accertare eventuali problemi al sistema antincendio, collaudato e certificato nel 2010.

A coordinare l’inchiesta il procuratore aggiunto Tiziana Siciliana e Marina Petruzzella. L’obiettivo è chiarire l’esatta composizione dei pannelli e verificare che corrispondano a quanto dichiarato nella pratica edilizia presentata in Comune.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli