Incendio a Monopoli: donna intrappolata tra le fiamme in lavanderia

Incendio lavanderia monopoli

Poteva concludersi in tragedia l’incendio divampato nella notte di venerdì 7 febbraio a Monopoli, in provincia di Bari. La segnalazione del rogo è giunta alle forze dell’ordine attorno all’1:30 di notte, quando alcuni cittadini avevano notato un’auto in fiamme. L’incendio aveva già completamente avvolto la vettura, ed iniziavano a lambire gli edifici circostanti. Appena giunti sul posto, i Carabinieri sono stati allertati dalla richiesta di aiuto di una donna che era rimasta bloccata all’interno della sua lavanderia, situata al piano terra dell’edificio davanti alla vettura in fiamme.

Incendio a Monopoli: salvata in extremis

La donna di 33 anni era rimasta bloccata nella lavanderia poiché la vettura coinvolta nell’incendio era situata proprio di fronte al portone della sua attività, impedendole di uscire. Le fiamme avevano avvolto la parete esterna del palazzo ed il fumo era penetrato all’interno, rendendo l’aria irrespirabile. Data la situazione critica della donna, i militari sono intervenuti immediatamente, spaccando la vetrina della lavanderia con un estintore e guadagnandosi un altro ingresso da cui è stata fatta uscire la donna, che era riuscita a tamponare il fumo ponendosi sulla bocca e sul naso un fazzoletto bagnato.

Sul posto sono giunti anche i Vigili del Fuoco del distaccamento di Putignano, in provincia di Bari, che hanno domato e spento le fiamme. I danni causati dalle fiamme sono ingenti e coinvolgono soprattutto la lavanderia, completamente distrutta, e il primo piano del palazzo. Sono in corso le indagini da parte della Procura di Bari che sta indagando sul caso, cercando di ricostruire l’esatta dinamica dei fatti, anche se la causa dell’incendio sembra essere un cortocircuito dell’automobile.