Incendio in provincia di Torino, 70enne morto per esalazioni di fumo

incendio-torino-morto

Tragedia a Cuorgnè, nella città metropolitana di Torino, dove un pensionato di 70 anni è morto nell’incendio divampato all’interno della sua abitazione in via 8 marzo, alla periferia del comune. L’uomo è stato rinvenuto ormai cadavere dai vigili del fuoco giunti sul posto per spegnere le fiamme e stando alle prime analisi degli operatori sanitari con molta probabilità è deceduto a seguito delle esalazioni di fumo. Al momento sul caso stanno indagando i carabinieri della compagnia di Ivrea.

Incendio a Torino, morto un 70enne

I vigili del fuoco sono arrivati alla palazzina indipendente dell’uomo a seguito delle segnalazioni dei vicini di casa, che hanno dato l’allarme dopo aver visto il fumo uscire dall’abitazione. Nel corso delle operazioni di spegnimento, i pompieri hanno notato come in casa fosse presente un grande quantitativo di oggetti di ogni tipo, i quali hanno probabilmente dato origine all’incendio in maniera accidentale.

Sul posto sono arrivati anche gli operatori del 118, che però non hanno potuto fare altro che constatare la morte del pensionato. Secondo i primi rilievi appare probabile che l’uomo sia deceduto per intossicazione da fumo esalato in grandi quantità durante il rogo.

Un altro incendio a Messina

Il rogo di Cuorgnè precede di poche ore un analogo episodio avvenuto in provincia di Messina, dove due sorelle di 90 e 97 anni hanno perso la vita nell’incendio della loro abitazione nel comune di Nizza di Sicilia. In questo caso le fiamme sarebbero partite da un corto circuito dell’impianto elettrico e non avrebbero lasciato scampo alle due donne, mentre una terza sorella di 83 anni – che viveva anch’essa nella casa – è riuscita a fuggire in tempo e a dare l’allarme.