Incendio sul Carso, fiamme al confine sloveno: sul posto 250 pompieri

incendio-carso

Un vasto incendio è divampato nei boschi del Carso, al confine tra Slovenia e Italia, nella giornata di mercoledì 21 agosto. Le fiamme hanno iniziato a propagarsi in mattinata partendo dalla località slovena di Cerje e avvicinandosi al comune italiano di Doberdò del Lago. Sul posto sono giunti decine di uomini dei Vigili del Fuoco, della Protezione Civile e della Guardia Forestale di entrambe le nazioni nel tentativo di domare il rogo. Al momento non sono ancora chiare le cause dell’incendio.

Incendio sul Carso, fiamme al confine

Stando a quanti riportato dalla Protezione Civile di Gorizia nell’incendio, che è attualmente in corso, sarebbero bruciati circa 100 ettari di bosco. Nella zona sono peraltro ancora presenti ben 14 focolai, per spegnere i quali sarà necessaria tutta la notte con cambi di turno tra pompieri italiani e sloveni. Nel post pubblicato su Facebook, la Protezione Civile ha inoltre scritto: “Operano sul campo 230 vigili del fuoco sloveni tra professionisti e volontari e 17 provenienti dalla nostra regione per operazioni di bonifica sul confine tra funzionari della Forestale e volontari di Protezione civile. Sul fronte del fuoco rimangono ancora ad operare 2 elicotteri dei tre odierni”.

Sul posto sono infatti presenti anche cinque squadre provenienti da Nova Gorica, ma le operazioni di spegnimento risultano difficoltose a causa del vento di bora che soffia sulla regione. Per poter facilitare il lavoro dei soccorritori, la Polizia ha chiuso al traffico le strade sulla direttrice Lokvica -Opatja Selo.

Colonna di fumo visibile da Gorizia

Il fumo innalzatosi in cielo è attualmente visibile dal capoluogo Gorizia, mentre le nuvole di fuliggine hanno raggiunto le località friulane di Sagrado e Ronchi dei Legionari. Nonostante ciò, la Protezione Civile ha invitato la popolazione a non allarmarsi mentre le autorità slovene hanno esortato i residenti ad evitare gli spostamenti in zona.