Incendio in un’abitazione a Baia Domizia (Caserta): uomo morto carbonizzato

incendio baia domizia caserta

Paura nella notte fra lunedì 10 e martedì 11 febbraio vicino a Caserta: un incendio è scoppiato in un’abitazione a Baia Domizia e un uomo è morto carbonizzato. Secondo le primissime ipotesi pare si tratti di un rogo divampato dal malfunzionamento di una stufetta elettrica. Le cause sono comunque ancora da chiarire. Sul posto, inoltre, sono intervenuti i vigili del fuoco e i mezzi di soccorso. Inutili, però, si sono rivelati i tentativi di salvataggio dell’uomo che è morto carbonizzato nell’incendio.

Caserta, incendio a Baia Domizia

In incendio è divampato in una casa nella notte fra lunedì e martedì a Baia Domizia, in provincia di Caserta. Da quanto si apprende le fiamme sarebbero partite da una stufetta mal funzionante. Un uomo che viveva da solo nel complesso residenziale della piccola località balneare sarebbe morto carbonizzato: nessuno oltre a lui, infatti, viveva nell’appartamento non lontano dalla chiesa di San Francesco D’Assisi. All’arrivo dei soccorsi, per Carlo non c’è stato nulla da fare: ha perso la vita a 82 anni. Secondo le primissime indagini realizzate dagli inquirenti giunti sul posto, inoltre, pare che le fiamme siano partite da una camera da letto. Le fiamme hanno invaso il letto in pochissimi secondi e l’uomo, che stava dormendo, non si sarebbe accorto di nulla. L’allarme, infatti, è scattato intorno alle ore 2 del mattino di martedì 11 febbraio.

Sul posto sono giunti i Vigili del Fuoco e gli agenti del commissariato di Santa Maria Capua Vetere della Polizia di Stato. Dopo aver domato le fiamme, i pompieri sono entrati nell’abitazione e hanno trovato il corpo dell’uomo carbonizzato. Probabilmente l’uomo sarebbe morto per le esalazioni di fumo e successivamente le fiamme lo avrebbero bruciato. Sulla salma, comunque, è stata disposta l’autopsia.