Incendio in un condominio a Minneapolis, 5 morti e 3 feriti gravi

incendio a Minneapolis

Notte di paura a Minneapolis. Un incendio ha distrutto il 14° piano di un condominio, situato nella zona sud della città statunitense. Cinque le persone ritrovate morte tra il fumo e le fiamme, mentre altre tre sono state ricoverate d’urgenza in ospedale. L’incendio è divampato intorno alle 4 del mattino, nella notte tra martedì 26 e mercoledì 27 novembre, in un grattacielo del quartiere Cedar Riverside.

Incendio a Minneapolis, l’intervento dei Vigili del fuoco

Secondo quanto dichiarato dal dipartimento dei Vigili del fuoco di Minneapolis, l’incendio si sarebbe diffuso dal 14° piano fino al 17°, proprio mentre si procedeva all’evacuazione dei residenti attraverso le scale antincendio dell’edificio. Le squadre dei vigili sono riuscite a domare definitivamente le fiamme intorno alle 5:30 del mattino. John Fruetel, il capo dei Vigili del fuoco, ha dichiarato che quattro vittime sono state ritrovate tutte nello stesso piano all’arrivo dei soccorsi. Una quinta persona è stata trovata nella tromba delle scale ed è stata trasportata con urgenza in ospedale. Purtroppo è deceduta poco dopo l’arrivo.

L’incendio si è rapidamente propagato anche nei piani superiori al 14°. La maggior parte delle unità abitative colpite è stata dichiarata al momento inabitabile. Altre tre persone sono state soccorse nella rampa delle scale. Al momento si trovano in ospedale ma non si hanno aggiornamenti sulle loro condizioni di salute. Continuano le indagini per stabilire quali siano state le cause dell’incendio.

Nel 2018 un altro grave incendio aveva distrutto un’intera palazzina di Dallas. Le immagini degli inquilini che cercavano disperatamente di sfuggire alle fiamme avevano fatto il giro del mondo. In particolare quelle di una mamma costretta a gettare il figlio dal terzo piano nel tentativo di salvargli la vita.