Incendio in un ospedale a New York: quattro feriti e decine di pazienti evacuati

·2 minuto per la lettura
Incendio in ospedale a New York 
Incendio in ospedale a New York

Paura al St. John’s Episcopal Hospital a New York, dove nella giornata di venerdì 10 settembre 2021 è scoppiato un incendio: decine di pazienti sono stati evacuti dall’ospedale e quattro persone, tra cui due Vigili del Fuoco, sono rimasti feriti lievemente.

Incendio in ospedale a New York

Le fiamme hanno iniziato a divampare dal tetto intorno alle 17:15 ora locale. Medici, infermieri e il personale di manutenzione dell’ospedale hanno aiutato a trasferire i pazienti fuori dall’edificio nell’attesa che sul posto arrivassero i pompieri. Le squadre sono riuscite a domare l’incendio soltanto due ore dopo e sono ancora al lavoro per chiarire le cause per cui è scoppiato.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Incendio in ospedale a New York: nessun danno grave

Il St. John’s Episcopal Hospital ha elogiato i primi soccorritori per il loro rapido lavoro. Il vicepresidente degli affari esteri Renée Hastick-Motes ha fatto sapere che fortunatamente non si sono registrate lesioni gravi legate all’incendio e che gli addetti sono stati in grado di evacuare rapidamente pazienti e membri del team. “Non si sa, al momento, come sia iniziato l’incendio, ma è stato rapidamente contenuto ed estinto“, ha aggiunto nel un comunicato.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Incendio in ospedale a New York: le testimonianze

La stampa locale ha raccolto diverse testimonianze tra cui quella di Anthony Sidzieniewski, un paziente che al momento del rogo si trovava nel seminterrato per le cure. Dopo essere stato evacuato e riportato in ospedale, ha parlato di un calvario spaventoso. “Hanno evacuato tutti, mi hanno detto che dovevo andarmene da lì con l’ossigeno“, ha raccontato.

Un’infermiera fuori servizio che vive nelle vicinanze ha invece affermato di essere tornata in ospedale per aiutare quando ha saputo dell’emergenza. “Vivo a cinque minuti dalla struttura ed ero a casa quando mio marito mi ha chiamato e ha detto ‘Vieni a vedere, il tuo ospedale è in fiamme!’“. Così si è avvicinata, ha visto un fumo denso e il rogo ancora acceso e si è data da fare per mettere in sicurezza gli ospiti.

Anche un addetto alla manutenzione di 32 anni che era fuori servizio è tornato sul posto di lavoro. “Mi ero addormentato. Mi sono svegliato e ho visto un mucchio di chiamate perse sul mio telefono. Poi ho richiamato chi mi aveva cercato e mi hanno detto ‘oh, il tuo ospedale è in fiamme!‘. Quindi sono tornato subito qui“.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli