Incidente Alto Adige: la 22enne Janine Benecke aveva sconfitto il cancro

incidente alto adige

Janine Rita Benecke è tra le 7 vittime del drammatico incidente avvenuto in Alto Adige domenica 5 gennaio. Con lei sono morti altri 6 ragazzi e con il passare dei giorni stanno venendo a galla le loro storie, aspirazioni e desideri per il futuro. A colpire è soprattutto il passato della 22enne tedesca, che nonostante la sua giovane età aveva già combattuto, e vinto, la battaglia contro il cancro: “Sto bene e sono felice” diceva.

VIDEO - Auto travolge comitiva, strage di turisti in Alto Adige

Incidente in Alto Adige: chi è Janine

La sua vita si è spezzata all’età di 22 anni dopo essere stata investita da un’auto guidata a forte velocità da un giovane al volante sotto l’effetto di alcol. Janine era una studentessa di ingegneria a Bochum, nel nord est della Germania dove giocava anche nella squadra nazionale femminile di football. Era una ragazza sportiva, diligente, tenace e viaggiatrice, così la ricordano gli amici. “Non aveva paura di affrontare i giorni bui” dicono gli amici riferendosi alla malattia che aveva dovuto affrontare.

LEGGI ANCHE: Salgono a 7 i turisti morti nella strage stradale in Alto Adige

La lotta contro il cancro

In età molto giovane, Janine era stata costretta a crescere in fretta per combattere un cancro. La sua forza interiore le avevano però permesso di affrontare tutte le cure e sconfiggere quel terribile mostro nel 2015, dopo sei cicli di chemioterapia condivisi sul web attraverso il suo blog. L’ultimo messaggio risale al marzo 2015 quando ha sostenuto l’ultimo ciclo di chemio dichiarando poi sconfitta la malattia: “Ho dovuto rinunciare a così tante cose” diceva felice nel poter tornare a condurre una vita normale. L’ultima avventura era stata un lancio col paracaduto: “Sto bene e amo la vita“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Milano, incidente mortale filobus: la dinamica dello schianto