Incidente con il paracadute: militare sardo in gravi condizioni

incidente con il paracadute

Grave incidente con il paracadute per Massimo Piras, originario della provincia di Nuoro, maresciallo maggiore e comandante del nucleo radiomobile di Borgo Panigale, in provincia di Bologna. Il militare sardo, 49 anni, si trova ricoverato in gravi condizioni.

In base ad una prima ricostruzione di quanto accaduto, Piras si era lanciato correttamente e tutto è filato secondo le procedure fino all’atterraggio. Ma negli ultimi metri prima di toccare il suolo, invece, qualcosa è andato storto e il 49enne ha impattato rovinosamente contro il terreno, perdendo conoscenza. Sul posto sono immediatamente giunti i soccorsi i quali hanno provveduto a trasportare il militare in elicottero all’ospedale maggiore di Bologna.

Incidente con il paracadute

I paracadutisti dell’avio-superficie del capoluogo emiliano, hanno dichiarato al Resto del Carlino che l’atterraggio in velocità è una prerogativa degli atleti esperti e Piras, da anni, pratica questo tecnica senza alcun problema. “È una persona straordinaria” hanno continuato i militari “conosce benissimo il paracadutismo. Pur essendo un eroe, per quello che ha fatto in servizio dopo l’esplosione dell’autocisterna, con noi si è sempre dimostrato un amico e non ha mai fatto pesare assolutamente i suoi riconoscimenti”.

Nel Maggio 2019, infatti, Massimo Piras aveva ricevuto direttamente dalle mani del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, la medaglia d’oro al Valore civile. Il militare sardo fu uno dei primi a soccorrere le persone rimaste coinvolte nell’esplosione di un’autocisterna sulla tangenziale Bologna-Borgo Panigale.