Incidente Roma, autopsia per le due 16enni

webinfo@adnkronos.com

Il pm di Roma Roberto Felici ha disposto l’autopsia sui corpi di Camilla e Gaia, le due 16enni investite e uccise da un'auto nella notte tra sabato e domenica a Corso Francia, altezza via Flaminia. Il ragazzo di 20 anni che era alla guida, Pietro Genovese, 20 anni, figlio del regista Paolo, è indagato a piede libero per duplice omicidio stradale. 

Sarà inoltre inviata in procura a Roma dagli agenti della Polizia di Roma Capitale del Gruppo Parioli un’informativa dettagliata sull’incidente. Nella comunicazione di notizia di reato sono contenuti gli esiti dei rilievi eseguiti sul luogo dell’incidente, i primi risultati degli esami tossicologi, le testimonianze raccolte e le altre fonti di prova emerse nel corso dell’attività investigativa. A Pietro Genovese sono stati sequestrati la macchina e il cellulare; quest’ultimo, in particolare, per verificare se il giovane lo stesse utilizzando.LO STRISCIONE - "Gaia e Camilla sempre con noi" si legge su uno striscione appeso sul ponte dell'Olimpica. Domenica c'è stata una processione di amici delle ragazze per lasciare fiori e oggetti in ricordo delle due giovani vittime.IL PADRE DI GAIA - "Adesso non ho ragioni per andare avanti, Gaia era la mia forza dopo l’incidente che avevo subito": così il padre di una delle due 16enni, secondo quanto riferisce il suo legale, l’avvocato Giovanni Maria Giaquinto. "E’ molto provato, nel 2011 ha subito un grave incidente in moto, all’Eur, che lo ha costretto sulla sedia a rotelle - spiega il legale -. Questa tragedia ha un risvolto ancora più drammatico perché colpisce un uomo già provato duramente. L’ho sentito, gli ho comunicato che verrà svolto l’esame del corpo di Gaia. Questa notte non ha chiuso occhio, è distrutto per quanto accaduto". 

LA MADRE DI CAMILLA - "Voglio giustizia, non vendetta". Così la madre di Camilla, una delle due ragazze investite e morte a Roma, tramite il proprio legale, l’avvocato Cesare Piraino. "Il padre, la madre e la sorella di Camilla sono distrutti per quanto accaduto. E’ una famiglia unita, colpita in modo tragico da questa vicenda - conclude il legale -. Attendiamo i risultati dell’esame autoptico: verrà svolto un esame esterno delle salme, per accertare la dinamica di quanto accaduto".