Incidente Zanardi, procura chiede l'archiviazione per il camionista

Primo Piano
·1 minuto per la lettura

La procura di Siena ha chiesto l'archiviazione per l'incidente del campione Alex Zanardi del 19 giugno 2020 avvenuto sulla provinciale 146 nel comune di Pienza. 

Secondo quanto riportato da Ansa, per la procura non sarebbe stato ravvisato "alcun nesso causale tra la condotta tenuta da Marco Ciacci alla guida dell'autoarticolato e la determinazione del sinistro stradale in seguito al quale Zanardi riportava gravi lesioni". 

I carabinieri in un comunicato affermano che "l'autista dell'autocarro viaggiava a una velocità moderata e comunque ampiamente al di sotto del limite di velocità previsto su quel tratto di strada ed ha reagito prontamente alla vista del ciclista mettendo in atto una manovra di emergenza (sterzando verso il margine destro della carreggiata) per allontanarsi dalla linea di mezzeria e cercare di evitare l'impatto con l'handbike condotta da Zanardi. Impatto che sfortunatamente si è verificato interamente all'interno della corsia di pertinenza dell'autoarticolato".

VIDEO - La ricostruzione dell'incidente di Alex Zanardi

I legali di Zanardi, stando a quanto riferito da una nota diffusa dalla procura di Siena, hanno depositato opposizione all'archiviazione. Gi avvocati infatti attribuiscono "efficacia causale alla condotta del conducente dell'automezzo" e sostengono che "il parziale superamento della linea di mezzeria abbia determinato la manovra di sterzo a destra di Zanardi, da cui conseguiva la perdita di controllo del mezzo"