Incontro tra il segretario di Stato Vaticano e Patriarca Armeni

Roma, 27 apr. (askanews) - Si avvicina la chiusura del Millenario di San Miniato, entra nel vivo il Festival delle Religioni con uno dei suoi appuntamenti più attesi: l'incontro, aperto dal saluto del Sindaco di Firenze, Dario Nardella, è entrato nel vivo con l'intervento di Padre Bernardo M. Gianni, abate di San Miniato: "Il Millenario oggi si conclude con un auspicio che in questi giorni di Festival trova la sua realizzazione più importante e feconda. Abbiamo tutta la chiesa e tutte le chiese presenti in questo luogo santo consacrato alla memoria del primo martire di Firenze, Miniato, giunto da lontano oriente, dall'Armenia, per bagnare col suo sangue la terra nobilissima di Firenze". L'intervento del Patriarca Armeno è stato preceduto dall'introduzione di Francesca Campana Comparini, ideatrice del Festival delle Religioni, che ha ricordato la tematica del "tempo", centrale in questi tre giorni di evento: "Stiamo fuori dal tempo, per starci meglio dentro. Teniamo un piede nella civitas hominis e un piede nella civitas dei per alimentarla, per renderla più creativa, più ricca. Usciamo dal tempo - come questa basilica, costruita sul monte, lontana dalle vie della città - ripristiniamo quella distanza che ci permette di essere più prossimi, per non correre il rischio, come ricordava Hannah Arendt, di cascarci addosso." L'intervento di Sua Santità Karekin II, Catholicos di tutti gli Armeni, ha dedicato il suo intervento al tema della fede e al ruolo delle chiese cristiane nella società e nella storia. Il Segretario di Stato Vaticano, il cardinale Pietro Parolin che nel suo lungo intervento ha avuto modo di affrontare varie tematiche - dal dialogo tra chiese, alle difficoltà della Chiesa di oggi, oltre ad una profonda riflessione sul valore della preghiera, al termine dell'incontro ha voluto soffermarsi sull'importanza dell'incontro ecumenico: "Credo che nel mondo di oggi, lacerato da tanti conflitti e da tante tensioni, i cristiani - ancor prima di parlare del dialogo interreligioso - prima di tutto devono essere fattore di unità, e per diventare elemento di unità all'interno della società devono cercare primariamente l'unione tra di loro. Che è poi la preghiera più ardente di Gesù nel Cenacolo, "che tutti siano uno", pur nelle loro differenze, come spesso ricorda il Papa. L'unità non è uniformità ma mettere insieme le proprie differenze e farle convergere in un arricchimento comune". L'incontro - su proposta di Padre Bernardo Gianni - si è concluso con un "fuori programma": al termine degli interventi, dopo un minuto di silenzio e raccoglimento, la delegazione guidata da Karekin II ha intonato un canto in lingua armena, rivolta all'altare della Basilica. Un inno a cui ha fatto eco il "Regina Coeli" armonizzato dalle voci dei monaci benedettini di San Miniato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli