"Indagate sul figlio di Biden": il Wsj svela il contenuto della telefonata sotto accusa tra Trump e il presidente ucraino

HuffPost

Joe Biden all’attacco di Donald Trump nella vicenda del ‘whistleblower’, l’ultima polemica in ordine di tempo, che si è abbattuta sulla Casa Bianca. L’ex vice presidente e candidato alla nomination democratica chiede al presidente Usa di rendere pubblica la trascrizione della telefonata nella quale avrebbe fatto una promessa “inappropriata” a un leader straniero. “Come minimo, Donald Trump dovrebbe rilasciare immediatamente la trascrizione della telefonata in questione, così che gli americani possano giudicare da soli”, ha affermato Biden in un post su Twitter.

Secondo i media Usa, la Casa Bianca è accusata di aver spinto l’Ucraina ad aprire un’indagine sul figlio di Biden. La vicenda è emersa nei giorni scorsi, quando il Washington Post ha riportato che un funzionario dell’intelligence Usa avrebbe presentato un rapporto al Congresso nel quale si fa riferimento ad una telefonata tra Trump e il nuovo presidente ucraino, Volodymyr Zelensky.

Il Wall Street Journal ha poi specificato il contenuto della denuncia avanzata dalla ‘talpa’: Trump avrebbe fatto “inappropriata” e ripetuta richiesta di far mettere sotto indagine in Ucraina il figlio dell’ex vicepresidente e candidato democratico di punta Joe Biden per ostacolare la corsa dell’ex vicepresidente alla Casa Bianca. Il 25 luglio Trump avrebbe insistito con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky (appena eletto) affinché indagasse su Hunter Biden. La telefonata è avvenuta lo scorso luglio e Trump ha chiesto a Zelensky “circa otto volte di lavorare con il suo legale personale Rudy Giuliani sull’inchiesta”.

Hunter Biden è un uomo d’affari che è stato membro del board di Burisma, la maggior azienda non governativa produttrice di gas in Ucraina. In un lungo colloqui con il New Yorker, pubblicato negli scorsi mesi, il figlio di Biden ha parlato della sua carriera sottolineando più volte come ha tenuto separati i suoi impegni in Ucraina e in altri affari con le...

Continua a leggere su HuffPost