Urtis, il chirurgo estetico dei Vip nei guai: "Prelievi di sangue non autorizzati"

Giacomo Urtis (Photo: INSTAGRAM)

Giacomo Urtis, conosciuto come il chirurgo estetico dei vip, torna a far parlare di sé: il dottore risulta indagato dalla Procura di Milano per prelievi di sangue non autorizzati. A quanto si apprende dal Corriere Della Sera:

Il dottore è indagato dalla Procura di Milano perché avrebbe effettuato “senza autorizzazione e a scopo di lucro” prelievi di sangue a pazienti che ne facevano richiesta presso la clinica estetica Villa Arbe (con lui sono indagati anche due direttori  sanitari della struttura e il suo legale rappresentante).

Nella clinica milanese Urtis utilizza una tecnica di trapianto di capelli a cui non sarebbe autorizzato.

Il dottore applica una tecnica di trapianto e crescita di capelli che prevede la centrifugazione del proprio sangue, da iniettare nel cuoio capelluto. Per il Nas dei carabinieri, che hanno effettuato un controllo, non avrebbe le necessarie autorizzazioni.

Tra i pazienti di Urtis - che ha anche partecipato al reality L’isola dei famosi - ci sono molti personaggi del mondo dello spettacolo e lui stesso aveva dichiarato di “vantare stima da parte della nobiltà britannica, nonché della famiglia reale”. Ma nel 2017 il medico aveva dovuto affrontare l’opposizione della Società italiana di chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica: 

Tuttavia nel 2017 è stato bollato come «non chirurgo né plastico né estetico» dalla Sicpre (Società italiana di chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica). Secondo l’associazione, si sarebbe appropriato di una qualifica che non ha. Il dottore aveva risposto con una denuncia per diffamazione. 

 

Love HuffPost? Become a founding member of HuffPost Plus today.

This article originally appeared on HuffPost.