Indagine Oms in Cina, giallo sull'origine del covid

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
(AP Photo/Silvia Izquierdo)
(AP Photo/Silvia Izquierdo)

"Tutti i dati che abbiamo raccolto sin qui ci portano a concludere che l'origine del coronavirus è animale". Lo ha detto il capo della missione dell'Oms a Wuhan, Peter Ben Embarek, in una conferenza stampa nella città cinese, primo focolaio del COVID-19.

VIDEO - Dpcm in scadenza, quali sono le decisioni imminenti?

"Il lavoro sul campo su quello che è successo all'inizio della pandemia di coronavirus non ha stravolto le convinzioni che avevamo prima di cominciare: i dati puntano verso i pipistrelli, ma è improbabile che questi animali si trovassero a Wuhan"", ha detto ancora il ricercatore.

Non è quindi possibile individuare l'intermediario animale per il Covid: "Pipistrelli e pangolini sono i più probabili candidati alla trasmissione, ma i campioni di coronavirus trovati in quelle specie non sono identici al Sars-Covid 2", ha aggiunto il professor Lian Wannian, a capo della delegazione di 17 esperti cinesi che ha affiancato la missione dell'Oms.