India e Brasile al collasso

Adalgisa Marrocco
·Contributor HuffPost Italia
NEW DELHI, INDIA  APRIL 18: An ambulance driver wait at Ghazipur cremation ground as others carrying the body of Covid-19 victims for last rite on April 18,  2021 in New Delhi, India. (Photo by Mohd Zakir/Hindustan Times via Getty Images) (Photo: Hindustan Times via Hindustan Times via Getty Images)
NEW DELHI, INDIA APRIL 18: An ambulance driver wait at Ghazipur cremation ground as others carrying the body of Covid-19 victims for last rite on April 18, 2021 in New Delhi, India. (Photo by Mohd Zakir/Hindustan Times via Getty Images) (Photo: Hindustan Times via Hindustan Times via Getty Images)

Il bilancio dei contagi e dei decessi legati al Covid continua ad aumentare. I casi nel mondo superano i 142 milioni secondo gli ultimi dati diffusi dalla Johns Hopkins University, mentre le morti confermate sono oltre 3 milioni dall’inizio della pandemia. Paesi come l’India e il Brasile sono ormai al collasso.

Per il sesto giorno consecutivo, il Ministero della Salute di Nuova Delhi registra un record di contagi: sono 259.170 i nuovi casi di Covid-19 e 1.761 i morti nelle ultime 24 ore. Il totale delle infezioni sale così a 15.321.089, per un totale di 180.530 decessi. Dopo gli Usa, l’India è attualmente il secondo Paese più colpito dalla pandemia.

Al terzo posto c’è il Brasile. Con 1.347 vittime nelle ultime 24 ore, il numero complessivo di decessi per patologie riconducibili al contagio da Covid nel Paese sudamericano raggiunge quota 374.682. Quanto ai contagi, sommando i dati forniti dai dipartimenti della Salute dei 27 stati, il bilancio è salito ad almeno 13.973.695 casi, 30.624 in più rispetto a quelli registrati nelle 24 ore precedenti.

In India ospedali e crematori allo stremo, tra bagni nel Gange e comizi di piazza

Nelle ultime ore il governo indiano è stato costretto a imporre il confinamento alla capitale Nuova Delhi fino a lunedì prossimo per evitare il collasso degli ospedali, dove scarseggiano posti in terapia intensiva e ossigeno. Nel tentativo di porre un argine alla seconda ondata, le autorità hanno annunciato che dal 1° maggio la campagna vaccinale sarà estesa a tutta la popolazione maggiorenne. Dallo scorso gennaio in India, Paese dove avviene il 65% della produzione mondiale di vaccini, sono state somministrate 127 milioni di dosi a fronte di una popolazione di 1,36 miliardi di persone.

Ma intanto molti ospedali e crematori del Paese sono già oltre il limite delle loro capacità. In un crematori...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.