India, sempre più grave la situazione Covid: ieri più di 200mila nuovi casi

·2 minuto per la lettura
India Covid
India Covid

L’epidemia da Covid-19 continua a peggiorare in India. I dati rilasciati dal ministero della Salute, infatti, indicano un nuovo balzo in avanti nel numero dei contagi. Sono 217.353 i nuovi casi di Covid registrati nel paese. Secondo ciò che riporta Adnkronos, in India, per l’ottava volta in nove giorni, non c’è mai stato un numero così alto d’infezioni giornaliere da Covid.

India, peggiora l’epidemia da Covid-19: ieri più di 200mila nuovi casi

I contagi si concentrano per l’80% in 10 stati: Maharashtra, Uttar Pradesh, Delhi, Chhattisgarh, Karnataka, Madhya Pradesh, Gujarat, Kerala, Tamil Nadu e Bengala Occidentale. Il Maharashtra risulta il più colpito con poco meno di 62mila casi di Covid nelle ultime 24 ore. Gli altri due Stati che registrano i numeri più alti sono Uttar Pradesh (22.339) e Delhi (16.699).

A causa dell’innalzamento dei contagi, nel weekend è stato imposto il lockdown nella capitale, Nuova Delhi. Non potranno rimanere aperti ristoranti, centri commerciali, palestre e terme. I cinema, invece, non saranno obbligati a chiudere i battenti. Dovranno, però, fare entrare fino solo ad un terzo delle persone che sono normalmente in grado di ospitare. Potranno svolgersi i matrimoni con un massimo di 50 persone. Invece, i funerali avranno un limite di 20 partecipanti.

Anche in altre città si stanno mettendo in campo misure restrittive. Il capoluogo del Maharashtra, Mumbai, e altre tre metropoli dello stato si trovano già in “semi-lockdown” da più di 48 ore. Inoltre, ogni centro abitato dello Stato dell’ Uttar Pradesh si appresta ad entrare in lockdown per tutta la giornata di domenica. Anche negli Stati di Gujarat e il Karnataka entreranno in vigore delle chiusure.

Lo Uttarakhand ha posto un tetto massimo di 200 partecipanti per ogni tipo di adunanza. Esente da ciò è solamente il festival indù del Kumbh Mela. Quest’ultimo, dal suo inizio in gennaio, ha visto la partecipazione di circa 25 milioni di fedeli. Poca attenzione sta venendo prestata, in tale contesto, alle misure anti-Covid. Un aspetto, che sta destando molta preoccupazione tra gli scienziati. Infatti, i partecipanti provengono da tutta l’India. Quindi, il festival potrebbe diventare il luogo di propagazione del virus verso l’intero paese.

Leggi anche: Marò, Alta Corte Indiana all’Italia: risarcimento da un milione alle famiglie dei pescatori uccisi