Indianapolis, identificate le otto vittime del massacro

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 17 apr. (askanews) - Identificate negli Stati Unitile otto vittime del massacro provocato dal giovane Brandon Hole, un 19enne che si è poi tolto la vita; in età vanno da due ragazze 19enni a 74 anni; quattro di loro sono Sikh.

Ferite anche numerose altre persone nella sparatoria in un ufficio di FedEx della città. Nell'edificio c'erano almeno un centinaio di persone al momento dei fatti.

La strage rinfocola le polemiche sulla facilità con cui ci si procurano armi negli Stati Uniti; è stato recuperato un fucile, ma non è chiaro di che modello. Si sa invece che l'uomo, Brandon Hole, era già stato interrogato dalla polizia federale l'anno scorso; a richiedere l'intervento delle forze dell'ordine era stata la madre.

Le autorità cercando un movente, ma Hole sembra aver cominciato a sparare a casaccio. E' la quinta sparatoria con strage di massa negli Stati Uniti in cinque settimane, inclusi i massacri nei centri estetici di Atlanta (che hanno colpito la comunità asiatica) e quello in un supermercato di Boulder, Colorado.