Individuato il turista austriaco che ha mutilato la statua di Canova. "Pagherò i danni"

Silvia Renda
·1 minuto per la lettura

E’ stato individuato, e ha ammesso la propria responsabilità, il turista austriaco che sabato scorso aveva danneggiato la “Paolina Borghese” di Antonio Canova, custodita nella Gipsoteca di Possagno (Treviso) per scattare un selfie.

A risalire all’identità dell’uomo, un cinquantenne, sono stati i Carabinieri della stazione di Pieve del Grappa (Treviso), che hanno dapprima esaminato i video delle telecamere di sorveglianza interne, che hanno immortalato tutte le fasi del danneggiamento.

Intorno alle 12.30 di sabato scorso l’uomo, che faceva parte di un gruppo di turisti connazionali, è stato filmato mentre si sdraiava a fianco della statua, scattando fotografie. Nel rialzarsi era scivolato, e accortosi del danno si era allontanato.

Risalendo al registro delle visite - obbligatorio anche per le norme di sicurezza anti Covid-19 - i carabinieri sono risaliti alla donna che aveva effettuato la prenotazione per conto del gruppo, che è risultata essere proprio la moglie del danneggiatore, che si è detto disponibile a pagare le conseguenze del suo gesto. Ora il fascicolo è stato trasmesso alla Procura.

(Photo: La Tribuna di Treviso)
(Photo: La Tribuna di Treviso)

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.