Industria: è boom per macchine stampa e grafica, +30% nel terzo trimestre

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 15 nov. (Adnkronos) – La crisi geopolitica? Il carobollette? Dimenticatevi tutto. In italia c'e' un settore che macina fatturati in crescita come se nulla fosse e non sembra conoscere rallentamenti o stop. E' quello delle macchine per stampa e grafica, che, trainato dall'export, registra un +30% nel terzo trimestre. Ma non solo: Le aziende associate ad Acimga (Associazione dei costruttori italiani di macchine per il printing ed il converting) sono ottimiste anche per il quarto trimestre 2022.

Un settore insomma finora 'immune' alla crisi congiunturale politico-economica ed energetica e con prospettive ottimistiche anche per il quarto trimestre. I dati, snocciolati dal centro studi di Acimga, l’Associazione dei costruttori italiani di macchine per il printing ed il converting, non lasciano dubbi e sono caratterizzati da performance positive sia nei 9 mesi del 2022, sia soprattutto nel terzo trimestre.

Nei primi 9 mesi dell'anno il fatturato è salito a 2.208 milioni di euro, in crescita del 9% rispetto allo stesso periodo del 202i e gli ordini sono in crescita del 10,9% rispetto allo stesso periodo del 2021 (+4,4% gli ordini interni, +12% gli ordini esteri). Nel terzo trimestre il fatturato è di 808 milioni di euro, in crescita del 30,3% rispetto al terzo trimestre 2021 e gli ordini mostrano una crescita del 31,5% rispetto al 3Q2021, con forte accelerazione nei mercati esteri (+43,8%) ed una buona performance anche sul mercato interno (+5,8%).

''La filiera delle aziende costruttrici di macchine per la stampa e la grafica -dice Enrico Barboglio, Direttore Generale di Acimga- sta vivendo un esercizio nel segno della crescita, con una previsione di ordini che testimonia la valenza delle tecnologie italiane nei mercati internazionali''. Barboglio sottolinea poi che “i nostri associati si dicono ottimisti anche per il quarto trimestre, nel quale non prevedono impatti rilevanti né dalla crisi energetica, né dall'andamento dell’inflazione”.