Industria: Intesa Sp, nel primo semestre export distretti +27,6%, livelli record in 2021

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 1 ott. (Adnkronos) – Nel primo semestre dell'anno l’export dei distretti industriali ha registrato un balzo del 27,6% a prezzi correnti rispetto allo stesso periodo del 2020, penalizzato dal lockdown primaverile. Il confronto con il 2019, secondo il Monitor dei Distretti industriali della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo, evidenzia un progresso dello 0,7%, pari a 474 milioni di euro, con il nuovo record di 64,6 miliardi di euro. Il recupero è diffuso a tutti i territori: su un totale di 158 distretti monitorati, 101 nel secondo trimestre sono oltre i livelli del 2019.

Tra i settori distrettuali più dinamici, spiccano gli Elettrodomestici (+29% sui primi sei mesi del 2019), la Metallurgia (+22,2%) e l’Agroalimentare (+14,9%). Molto positiva anche la performance della filiera delle costruzioni e del sistema casa, con in testa i distretti specializzati in Mobili (+8,2%) e Prodotti e materiali da costruzione (+6,7%), che hanno battuto la concorrenza tedesca (+6,3% e -0,8%).

In lieve aumento l’export di Altri prodotti intermedi (+4,5%) e Prodotti in metallo (+2,1%), mentre la Meccanica ha registrato un calo lieve (-1,6%) e comunque inferiore ai concorrenti tedeschi (-3%). Segnali di recupero, secondo il Monitor, emergono anche per il Sistema moda che mostra un rimbalzo rispetto al 2020 (soprattutto per i beni di consumo, in progresso del +38,4%), ma è ancora in forte ritardo rispetto al 2019 nel comparto degli intermedi (-29,3%).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli