Industria: a Varese ordinativi in calo per 80% imprese

·1 minuto per la lettura
Industria: a Varese ordinativi in calo per 80% imprese
Industria: a Varese ordinativi in calo per 80% imprese

Milano, 20 lug. (Adnkronos) – Ordinativi in calo per l'80% circa delle imprese di Varese nella fase post emergenziale della pandemia. Lo denuncia l'Univa, l'unione degli industriali della provincia, che ha raccolto alcuni dati: due imprese su tre denunciano problemi nella gestione delle attività, e tra queste il 66% dichiara una mancanza di liquidità medio-alta. Gli affari non vanno benissimo: nel primo trimestre dell’anno l’export della provincia di Varese è calato del -3,9% (fermandosi a quota 2,4 miliardi di euro), contro una contrazione meno consistente sul piano nazionale, dove la flessione registrata è stata nell’ordine di un più contenuto -1,9%. L'export verso la Cina è crollato del 32%, evidenzia l’Ufficio Studi Univa, che ha messo in evidenza anche l’andamento del riscorso delle imprese agli ammortizzatori.

"Uno scenario impietoso che indica bene quale sia la vera emergenza, ossia il lavoro”, ha commentato il presidente Roberto Grassi. Nei primi cinque mesi del 2020 le ore autorizzate di cassa integrazione ordinaria, straordinaria e in deroga sono state pari a 10 volte quelle dello stesso periodo del 2019. Un aumento di oltre l’800% che è più o meno lo stesso livello di incremento che si registra a livello nazionale.Il consumo energetico delle imprese, secondo i dati del Consorzio dell’Unione Industriali, Energi.Va, è calato, rispetto agli stessi mesi di un anno fa, del -17,9% a marzo, del -34% ad aprile, del -19,8% a maggio.