Infanzia: Bernini, 'grande mobilitazione contro infibulazione'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 4 set. (Adnkronos) – "Il caso delle due bambine residenti a Piacenza infibulate per volontà della famiglia nel Paese di origine -rivelato ieri dal quotidiano 'Libertà'– è un nuovo campanello d’allarme sulla condizione femminile in troppe famiglie di immigrati dentro cui vige un regime talebano". Lo afferma Anna Maria Bernini, capogruppo di Forza Italia al Senato.

"La mutilazione genitale -ricorda- è severamente punita in Italia grazie alla legge Consolo, ma è un’usanza tribale che, pur non essendo legata ad alcun precetto religioso, viene purtroppo ancora praticata e suggerita da alcuni imam provenienti soprattutto da Somalia ed Egitto. Occorre una grande mobilitazione sociale e culturale per impedire questi abusi che pregiudicano per sempre la vita di ragazze a cui è vietato occidentalizzarsi, come ha tragicamente dimostrato l’atroce vicenda di Salman. Se i genitori non accettano di integrarsi, bisogna alzare il livello di sorveglianza per impedire questi inammissibili soprusi”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli