Infarto all’aeroporto di Napoli, salvo passeggero di 64 anni

aeroporto-napoli

Tragedia sfiorata nella giornata di martedì 23 luglio. Un uomo è stato colto da infarto all’aeroporto di Napoli Capodichino mentre si stava apprestando a salire a bordo dell’aereo. Il 64enne si trovava assieme alla moglie quando si è improvvisamente sentito male, accusando dolore al petto e mancanza di fiato. Fortunatamente, il tempestivo intervento del personale del 118 ha evitato che le condizioni dell’uomo potessero peggiorare.

Infarto all’aeroporto di Napoli

Il malore ha colpito l’uomo durante la mattinata del 23 luglio, rendendo necessario l’intervento del personale Psaut (Postazione Fissa di Primo Soccorso Territoriale) presente all’interno dell’aeroporto. In poco tempo, i sanitari hanno prontamente rianimato il 64enne, disponendo il trasferimento presso l’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli per ulteriori accertamenti. La squadra di soccorritori è riuscita a salvare l’uomo adoperando il cosiddetto protocollo Als, combinando cioè l’uso di farmaci appositi con il defibrillatore.

Stando alla diagnosi effettuata in aeroporto, la causa del malore è da ricercare in un arresto cardiorespiratorio. Se l’uomo fosse stato trasportato direttamente in ospedale invece che essere soccorso sul posto, probabilmente avrebbe potuto non farcela.

Le parole dell’associazione

Tra i primi a divulgare la notizia ci sono stati i volontari di Nessuno Tocchi Ippocrate, associazione che raccoglie denunce di aggressioni ai danni del personale medico. Sulla propria pagina Facebook l’associazione scrive infatti: “Buone notizie dall’aeroporto internazionale di Napoli “Capodichino” dove l’equipe di emergenza composta dal Medico ASL Di Iorio, l’infermiere Grossi e l’autista soccorritore Di Maio hanno rianimato un uomo di 64 anni colto da arresto cardiorespiratorio mentre con la moglie si stava imbarcando su un volo”.