Infermiera fingeva di vaccinare amici No vax che volevano ottenere il Green Pass

·1 minuto per la lettura
Doctor or nurse in a laboratory preparing a vaccine for a patient. (Photo: SimpleImages via Getty Images)
Doctor or nurse in a laboratory preparing a vaccine for a patient. (Photo: SimpleImages via Getty Images)

Assecondava persone non intenzionate a fare il vaccino ma desiderose di avere il Green Pass per muoversi poi come tutti gli altri. Poi però non glielo iniettava. La Procura della Repubblica di Treviso ha aperto un fascicolo d’indagine, con le ipotesi di reato di omissione in atti d’ufficio e falso ideologico, nei confronti di un’infermiera sospettata di non aver iniettato le dosi di vaccino alle persone giunte nel centro di Villorba. La vicenda risale ad alcuni giorni fa, in seguito alle segnalazioni di alcuni cittadini che hanno sostenuto di non essere stati vaccinati. La polizia ha sequestrato i contenitori in cui sarebbero stati gettati i flaconi in vetro contenenti il vaccino, e le siringhe utilizzate dalla donna.

Sono stati i colleghi a fare emergere tutte le stranezze: “Sceglieva sempre la postazione più periferica, la più lontana dalla sala d’aspetto. C’erano sguardi strani con alcuni vaccinandi, che cambiavano fila proprio per raggiungere la sua postazione”. Gli inquirenti ipotizzano che il vaccino venisse iniettato nei batuffoli di cotone, in modo da non far trovare a nessuno le siringhe ancora piene di siero.

Un’indagine analoga era stata aperta nei confronti di un’altra infermiera, accusata da un carabiniere di Roncade (TREVISO), ma la Procura ha archiviato il fascicolo.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli