Infermiera vaccinata, minacce e insulti social. Zingaretti: "Vergogna"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"Claudia è la prima vaccinata in Italia contro il Covid. È stata travolta da messaggi e attacchi no vax, al punto di dover chiudere i suoi social". Nicola Zingaretti, segretario del Pd e presidente della Regione Lazio, scende in campo per difendere Claudia Alivernini. L'infermiera dello Spallanzani, la prima a ricevere il vaccino contro il coronavirus nel v-day del 27 dicembre, è stata sommersa di insulti e minacce sui social. La 29enne ha deciso di chiudere i propri profili e, come scrive il Messaggero, ha presentato denuncia alla polizia postale.

"Il suo sorriso ci ha raccontato una storia di forza e speranza. Una professionista che ha combattuto il Covid, come tante e tanti giovani che si sono improvvisamente trovati in prima linea, il 27 dicembre è stata la prima vaccinata del Lazio e d’Italia. Chi l'ha costretta a eliminare i suoi social e la sta minacciando dovrebbe vergognarsi", scrive Zingaretti. "Siamo con te Claudia -aggiunge il leader Dem- e con tutto il personale sanitario che ha lottato in questi mesi! Un grande abbraccio".