"Infettiamo": sputa sulla frutta e posta video

webinfo@adnkronos.com

"Neanche l’emergenza sanitaria da Coronavirus sembra fermare la stupidità di alcuni individui che amano mettersi in mostra sui social con atti scellerati. Sulla piattaforma Instagram un utente ha pubblicato una story dove lo si vede all’interno di un supermercato nel casertano e dopo aver spostato mascherina dalla bocca si avvicina alla frutta in esposizione per sputarci sopra. Il video è sovrastato dalla scritta: 'Infettiamo'". E' la denuncia che del Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e del conduttore radiofonico Gianni Simioli, come si legge sulla pagina Facebook di Borrelli. 

“L’imbecillità sta raggiungendo limiti mai neanche pensati prima, il cattivo utilizzo dei social e la mania di voler essere protagonisti sta aiutando in tal senso. L’idiota che compie questo gesto, che vediamo nel video, sputa sulla frutta con il sorriso stampato sul volto, crede forse di essere divertente invece è un incosciente ed un criminale, in un momento come questo cospargere saliva e liquidi corporei è estremamente pericoloso, farlo volontariamente equivale ad attentare alla vita altrui. Abbiamo segnalato il video alle autorità in modo che questo individuo possa essere denunciato e punito in maniera severa", si legge nel post che propone il video. 

 

 

 

 

"Dopo la nostra segnalzione la Polizia ha identificato e denunciato l’autore del video postato su Instagram in l’autore sputava su della frutta esposta in un supermercato. Gli investigatori gli contestano il reato di procurato allarme e inosservanza ai provvedimenti dell'autorità. Si tratta di un 25nne casertano. L'autore del video è stato raggiunto nella sua abitazione dagli agenti della sezione "Falchi" della Squadra Mobile che lo hanno accompagnato in Questura, a Caserta, dove è stato denunciato. Il suo telefono cellulare smartphone è stato sequestrato. "E' stata una ragazzata". Così, il 25enne casertano si è giustificato. Il giovane, disoccupato, vive con la madre. Brevissima è stata l'indagine della Sezione Falchi che dopo averlo identificato se lo sono andati a prelevare nella sua abitazione. Lì è stato subito sottoposto a tampone per verificare la sua eventuale positività al Coronavirus2", ha scritto Borrelli in un successivo post.