Inflazione negativa per sesto mese di fila a ottobre, ma sopra attese - Istat

·3 minuto per la lettura
Una bandiera italiana davanti alla Fontana di Nettuno a Napoli
Una bandiera italiana davanti alla Fontana di Nettuno a Napoli

ROMA (Reuters) - Secondo i dati provvisori forniti da Istat, a ottobre l'indice Nic dei prezzi al consumo ha registrato una variazione positiva dello 0,2% su mese e un calo dello 0,3% su anno, mostrando una flessione a livello tendenziale per il sesto mese consecutivo, sebbene dimezzata rispetto a quella segnata a settembre.

Il dato è sopra le attese degli analisti che si aspettavano una lettura a +0,1% congiunturale e a -0,4% tendenziale nel mese osservato.

A settembre l'indice aveva segnato cali dello 0,7% su mese e dello 0,6% su anno.

"Anche a ottobre l'inflazione al netto delle componenti più volatili, tra le quali quella degli energetici – caratterizzati dalla persistenza di tendenze negative dei prezzi – pur accelerando, rimane modesta", osserva Istat. "D'altra parte, la crescita dei prezzi del cosiddetto carrello della spesa si conferma vivace, trainata dagli incrementi dei prezzi degli alimentari freschi", aggiunge.

I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona accelerano (da +1,0% a +1,4%), mentre quelli dei prodotti ad alta frequenza d'acquisto continuano a registrare una flessione (da -0,1% a -0,2%).

L'"inflazione di fondo" accelera sia al netto degli energetici e degli alimentari freschi che al netto dei soli beni energetici, rispettivamente da +0,1% a +0,3% e da +0,2% a +0,5%.

L'inflazione acquisita per il 2020 è pari a -0,2% per l'indice generale e a +0,6% per la componente di fondo.

L'indice armonizzato Ipca a ottobre è salito dello 0,6% su mese e sceso dello 0,6% su anno (attese +0,2%, -0,8%), dopo un rialzo dello 0,9% su mese e una flessione dell'1% su anno a settembre.

L'aumento congiunturale dell'Ipca, più marcato rispetto a quello del Nic, è spiegato dalla fine dei saldi estivi prolungatisi anche a settembre e di cui il Nic non tiene conto, ricorda l'Istituto.

La flessione tendenziale invece, pur attenuandosi, rimane doppia rispetto al Nic poiché da un lato in alcuni casi i saldi continuano anche a ottobre e dall'altro i prezzi dei Servizi sanitari si confermano in calo per l'Ipca (da -0,8% a -0,6%), mentre crescono per il Nic (+0,7% come a settembre), a causa dell'abolizione del super ticket intervenuta già a settembre e di cui l'indice nazionale non dà conto.

Di seguito i dati forniti da Istat per l'indice Nic:

OTT SET AGO

Var mensile 0,2 -0,7 0,3

Inflazione a/a -0,3 -0,6 -0,5

Indice (base 2015=100) 102,5 102,3 103,0

Di seguito i dati forniti da Istat per l'indice Ipca:

OTT SET AGO

Var mensile 0,6 0,9 -1,3

Inflazione a/a -0,6 -1,0 -0,5

Indice (base 2015=100) 103,3 102,7 101,8

Di seguito il dettaglio per settore fornito da Istat per il Nic:

SETTORE m/m a/a

Prodotti alimentari 0,5 1,5

Bevande alcoliche e tabacchi -0,1 1,8

Abbigliamento e calzature 0,3 0,7

Abitazione, acqua, eletricità 2,1 -2,8

Mobili, servizi e beni per la casa 0,0 0,8

Servizi sanitari 0,1 0,7

Trasporti -0,7 -4,0

Comunicazioni 0,4 -5,1

Ricreazione -0,1 0,4

Istruzione -4,1 -3,7

Servizi ricettivi e ristorazione -0,3 0,0

Altri beni e servizi 0,3 2,0

(Valentina Consiglio, in redazione a Roma Antonella Cinelli)