Influencer “scroccona” rifiutata dall’hotel: “Come paghiamo i dipendenti, con i tuoi like?”

Elle Darby, l’influencer 22enne inglese che ha cercato di ottenere un soggiorno gratuito in un hotel di Dublino (YouTube)

di Fabrizio Arnhold

Ci ha provato, ma le è andata male. “E’ stato veramente imbarazzante”, ha ammesso Elle Darby, l’influencer 22enne inglese che ha cercato di ottenere un soggiorno gratuito in un hotel di Dublino, il The White Mosse Café, e in cambio ha avuto una gogna pubblica. Il responsabile della struttura, Paul Stenson, infatti, le ha risposto pubblicando la sua mail con la richiesta e rifiutando l’offerta. Ma non solo, l’hotel le ha fatto recapitare una fattura da 4 milioni di euro per la pubblicità gratuita ricevuta.

Ci vuole coraggio per mandare una mail come questa – esordisce Stenson-. Ma se ti lascio alloggiare qui in cambio di un’apparizione nel tuo video, chi pagherà lo staff che si prenderà cura di te? Chi pagherà le domestiche che puliscono la tua stanza? I camerieri che ti servono la colazione? La reception che ti controlla? Chi pagherà per la luce e il calore che userai durante il soggiorno? Per la pulizia delle lenzuola? Per l’acqua? O forse dovrei dire ai miei dipendenti che saranno presenti nel tuo video, invece di ricevere il pagamento per i giorni in cui soggiornerai qui?”.

(FB)

Non soddisfatto, la risposta continua con toni polemici. “Per nostra fortuna, anche noi abbiamo un’importante traffico sui social media– replica Stenson alla Darby, che gli aveva elencato i suoi contatti per perorare la causa del soggiorno gratuito-. Abbiamo 186 mila follower sulle nostre due pagine Facebook, circa 80 mila su Snapchat, 32 su Instagram, 12 mila su Twitter. Io ho anche un blog, ma le statistiche non mi rendono migliore di chiunque altro o mi permettono il diritto di non pagare per qualcosa che tutti gli altri devono pagare”, rivendica Stenson, concludendo: “In futuro, ti consiglio di pagare come tutti gli altri e, se l’hotel dove alloggi crede che la tua copertura social lo aiuterà, potrebbe darti un upgrade in una suite. Una richiesta del genere avrebbe mostrato più dignità da parte tua, e sarebbe stata meno imbarazzante per te”.

L’hotel ha inviato una fattura da 4 milioni di euro (che con le tasse supera i 5 milioni di euro) alla influencer per la pubblicità gratuita ricevuta da questa vicenda. Il direttore non aveva scritto il nome dell’influencer, e si era anche premurato di cancellarlo dalla mail fotografata. Ma Elle Darby ha replicato dal suo canale YouTube, svelando così la sua identità.

(FB)

Ti potrebbe interessare anche: