Influenza, Speranza: 'Vaccinazioni ancora più importanti in pandemia'

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

"Le vaccinazioni sono uno strumento fondamentale a tutela della salute pubblica e lo sono ancora di più nell’attuale situazione pandemica. Il passato inverno si è registrata una riduzione drastica dell’influenza stagionale, grazie anche ad una campagna tempestiva che ha raggiunto numeri molto ampi di soggetti immunizzati". Lo ricorda il ministro della Salute, Roberto Speranza, in occasione dell'avvio della 'Settimana europea dell’immunizzazione', giunta alla sua XVI edizione, a due giorni di distanza dall’avvio della 'Settimana mondiale dell’immunizzazione' promossa dall’Oms.

Il ministero della Salute - ricorda una nota - ha emanato la nuova circolare per la “Prevenzione e controllo dell’influenza: raccomandazioni per la stagione 2021-2022”, in anticipo di due mesi sulle analoghe raccomandazioni rispetto agli anni passati. Al fine di facilitare le diagnosi e non confondere i sintomi influenzali da quelli del Covid-19 nelle fasce di età a maggiore rischio di malattia grave, il vaccino antinfluenzale è fortemente raccomandato e potrà essere offerto gratuitamente anche nella fascia d’età 60-64 anni, oltre che alle persone dai 65 anni in su. Come lo scorso anno - ricorda il ministero - per ridurre la circolazione del virus influenzale, il vaccino è raccomandato anche per i bambini dai 6 mesi ai 6 anni.

In concomitanza della Settimana europea dell'immunizzazione e di quella mondiale- ricorda la nota - si terranno una serie di iniziative a staffetta, per richiamare l’attenzione sull’importanza di tutte le vaccinazioni: non solo quella anti Covid-19, ma tutte quelle che rappresentano uno strumento di prevenzione insostituibile contro numerose malattie infettive e che permettono ogni giorno di salvare vite umane.