Infortuni, De Luca (Consulenti lavoro): "Mentre si va al bar? non riconosciuto, non è in itinere"

·1 minuto per la lettura
featured 1537392
featured 1537392

Roma, 10 nov. (Labitalia) – "La Cassazione si è rifatta un po' a quella che è la normativa vigente e anche alle sentenze conseguenti. L'infortunio fuori dal luogo di lavoro, quello riconosciuto, è il cosiddetto infortunio in itinere, tipicizzato come quell'infortunio che accade, qualunque esso sia, anche l'incidente stradale nel percorso casa-lavoro, con quelle eccezioni, come accompagnare un figlio, ritenute essenziali e improrogabili. Tra queste, purtroppo, non c'è l'infortunio nel caso di un permesso concesso dall'azienda". Così, con Adnkronos/Labitalia, Rosario De Luca, presidente della Fondazione studi dei consulenti del lavoro, commenta la decisione della Cassazione che ha accolto il ricorso dell'Inail contro l'indennizzo e invalidità del 10% per una donna, impiegata alla Procura di Firenze, che era uscita dal luogo di lavoro – autorizzata – per andare a prendere un caffè al bar e nel tragitto era caduta procurandosi un trauma al polso.

"C'è da dire -spiega ancora De Luca- che questa è una materia in grande evoluzione anche alla luce dello smart working e della necessità di regolamentazione di un lavoro fatto in modo diverso da quello tradizionale".

Secondo De Luca, è innegabile che "la materia del lavoro in smart working, lontano da quello tradizionale, deve andare a contemplare anche queste situazioni".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli