Infortuni: Prc, 'continua strage infinita figli classe operaia'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 16 apr. (Adnkronos) – "Ancora morti sul lavoro, continua la strage infinita di figli della classe operaia sacrificati sull'altare del profitto, due morti al giorno dall’inizio dell’anno. Le indagini ci diranno le dinamiche e le circostanze all’origine di quest’ennesima tragedia, 'la causa determinante' dell'evento infortunistico. Intanto non si può sottacere l’evidente mancanza di formazione dei lavoratori sulle norme di sicurezza che determina spesso la non percezione del rischio stesso, fenomeno accentuato dall’assunzione, specie in edilizia di personale precario o occasionale vessato con ritmi di lavoro che rendono impossibile il lavoro in sicurezza. È intollerabile che il Governo non intervenga seriamente a garantire la fine di questa strage e continui a mantenere in vita leggi che rendono i lavoratori ricattabili e disponibili ad accettare sfruttamento e condizioni di lavoro non sicure". Lo afferma Antonello Patta, responsabile nazionale Lavoro di Rifondazione comunista.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli