Ingiustizia e accanimento verso Bettino Craxi e verso di noi (di S. Craxi)

·2 minuto per la lettura
(Photo: )
(Photo: )

Riceviamo e pubblichiamo l’intervento di Stefania Craxi, senatrice di Forza Italia e vicepresidente della commissione Affari esteri, dopo la sentenza della Cassazione sul conto estero dell’ex premier.

Le ingiustizie e l’accanimento nei confronti di Bettino Craxi e della sua famiglia non sembrano avere fine, nonostante il trascorrere degli anni e nonostante la verità su quella stagione, i suoi falsi eroi e le sue storture siano ormai sotto gli occhi di tutti.

A conclusione di una vicenda grottesca, surreale, che riguarda fatti e questioni di cui né io, né mio fratello e né mia madre ci siamo mai occupati (alla faccia del principio di responsabilità personale!), siamo stati nostro malgrado trascinati in un contenzioso tributario a conclusione del quale siamo chiamati a dover pagare le spese processuali, e solo quelle, poiché non abbiamo ereditato nulla, se non altro perché nulla c’era da ereditare, se non i valori e le idee, di un uomo il cui unico interesse di vita era la politica, come ammisero candidamente alcuni degli stessi giudici del Pool!

Di fatto, la Corte di Cassazione non ha ritenuto meritevole di censura la sentenza di appello nella parte in cui i giudici di secondo grado hanno escluso l’onere probatorio, la prova, in capo all’Agenzia delle Entrate circa la destinazione di alcuni fondi di cui Craxi, e non già il Partito Socialista, secondo i vecchi processi dell’epoca di Tangentopoli riproposti in sentenza, era l’utilizzatore di quelle somme e quindi aveva l’onere di dichiararle al fisco quali redditi personali!

Quindi, sui finanziamenti al PSI, a un partito, Bettino Craxi, cioè il Segretario politico, neanche amministrativo, avrebbe dovuto pagare personalmente le tasse! Un capolavoro di linearità logica e giuridica. Mi aspetto ora che si chieda lo stesso ai Segretari, o ai loro eredi, di tutti gli altri partiti dell’allora arco costituzionale interessati dalle vicende giudiziarie del finanziamento ai partiti, dalla DC, al PCI/PDS, passando per la Lega!

Innanzi a tutto questo provo profondo sconcerto e tanta amarezza. La considero l’ennesima vessazione che origina dai processi farsa di Mani pulite. Processi, peraltro, condannati dalla Corte di Strasburgo per violazione dei diritti di difesa e che hanno mistificato la verità dei fatti, la stessa storia di questo Paese, e per colpa dei quali ancora una volta dovremmo pagare personalmente.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli