Innegiava all'Isis: espulso imam marocchino residente a Padova -2-

Red/Gtu

Roma, 4 gen. (askanews) - Tra l'altro, nel 2018 sua moglie (anche lei di origini marocchine) lo ha denunciato per maltrattamenti e lesioni per le percosse subite ogni qualvolta si rifiutava di indossare il niqab.

L'imam è stato rimpatriato dalla frontiera aerea di Bologna per Casablanca. Si tratta - ricorda il Viminale - del primo allontanamento nel 2020 di un soggetto ritenuto pericoloso per la sicurezza dello Stato. Salgono a 462 gli allontanamenti dal 2015 ad oggi, di cui 98 nel 2019 e 126 nel 2018.