Installata in Giappone scultura di 3,4 m realizzata con marmo di Carrara -3-

Red/Cro/Bla

Roma, 6 mar. (askanews) - Yoshino, che ha lasciato Toyama dove lavorava in un'agenzia di viaggi, alla volta di New York per seguire la sua passione per l'arte, ha sempre coltivato il sogno di misurarsi con il marmo di Carrara, materia di cui si è innamorata studiando Michelangelo. "Grazie ai cavatori della Cooperativa Gioia e alla Cooperativa degli scultori di Carrara, sono riuscita a realizzarlo" dice. Ora ha intenzione di esportare in ogni angolo del mondo i suoi Lovers in marmo, facendone una serie. Dopo New York e Toyama, pensa ai suoi "Amanti" made in Carrara anche in altre città come Berlino e Hiroshima, «due simboli di come l'amore possa curare le ferite per costruire un futuro migliore» spiega. Intanto gli "Amanti" di Yoshino faranno da "ambasciatori" della Toscana e di Carrara nel Paese del Sol Levante.