Insulta la polizia per fare un video su Instagram: arrestato 20enne

Insulta la polizia per postare video su Instagram.

Insulta la polizia per postare un video in diretta su Instagram: è questo ciò che ha fatto un ragazzo ungherese di vent’anni per aumentare la popolarità sul social. Per concludere in bellezza ha terminato la sua serata scagliandosi contro gli stessi agenti che erano riusciti a fermarlo.

Insulta la polizia per un video su Instagram

La notte tra lunedì 28 e martedì 29 Ottobre un ragazzo ungherese di vent’anni è stato arrestato con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale. Il giovane a bordo di un’Enjoy è passato volutamente davanti agli agenti, fermi in via Gran Sasso a Milano per tutt’altro motivo. Per attirare la loro attenzione ha ben pensato di ricoprirli di insulti per poi scappare a bordo di una fiat del car sharing.

Enjoy è infatti la piattaforma di car sharing più economica di Milano, che permette di noleggiare le fiat 500 a meno di 30 centesimi al minuto. Il servizio è promosso e sponsorizzato da Enel, che mette il suo logo su tutte le auto rosse.

La volante è subito partita all’inseguimento e dopo aver raggiunto la 500 rossa ha fermato e fatto scendere il giovane che per concludere nel peggiore dei modi ha deciso di aggredire gli uomini in divisa. I poliziotti sono riusciti comunque a bloccarlo e ad ammanettarlo. Gli agenti hanno confermato che il ragazzo avrebbe agito solamente per far ridere i suoi follower suoi social. Tra le accuse il ragazzo potrebbe anche imbattersi nelle gravi sanzioni previste per chi utilizza il cellulare alla guida. Infatti la pena potrebbe prevedere anche il ritiro della patente e una multa tra 400 e 1700 euro.