Insulti e minacce, famiglia rom rinuncia alla casa popolare

webinfo@adnkronos.com

Minacce ed insulti a Roma, a Tor Bella Monaca nei confronti di una famiglia rom assegnataria di una casa popolare. Accompagnata questa mattina da un funzionario dell'Ater in via Santa Rita da Cascia, la famiglia, composta da quattro persone, doveva entrare in un appartamento. Alcuni cittadini della zona hanno inveito e insultato la famiglia: padre, madre e due figli. 

Immediato l'intervento dei Carabinieri di Tor Bella Monaca, anche se al loro arrivo i militari hanno constatato che la situazione era già tornata alla normalità. Invitata in caserma, la famiglia rom ha sporto denuncia. Ed ora sono in corso indagini per accertare chi erano i responsabili degli insulti e delle minacce. Sembrerebbe che la famiglia abbia rinunciato all'alloggio.  

Un episodio che ricorda quello dello scorso maggio a Casal Bruciato teatro di proteste per l'assegnazione a una famiglia rom di un appartamento al 20 di via Sebastiano Satta.