Insulti sessisti, hater mandato in un maso

Hater sui social viene condannato a un mese di lavori socialmente utili in un maso in Alto Adige. Una punizione bizzarra per l'uomo che si nascondeva dietro al suo profilo social per offendere con commenti sessisti la consigliera provinciale della Svp Jasmin Ladurner.

VIDEO: Violenza domestica, dai fiori alle botte

La donna lo ha denunciato ma, come riporta il Dolomiten, dopo le scuse dell'uomo ha deciso di ritirare la querela, proprio nel giorno della sentenza della Corte europea su "hate speech" su Facebook.

VIDEO: I numeri del femminicidio


LEGGI ANCHE: Haters, ecco cosa rischiano i "leoni da tastiera"

"Non è mio intento causare a questa persona problemi in famiglia e sul lavoro, volevo semplicemente lanciare il segnale che noi donne non dobbiamo accettare proprio tutto", spiega la Ladurner "Ognuno può criticare, ma le critiche devono essere formulate in tal modo da poterle dire anche in faccia".