Inter, congelati due stipendi: la crisi di liquidità salva Conte

·1 minuto per la lettura

Antonio Conte non ha alcuna intenzione di dimettersi e l'Inter non ha i soldi per cambiare allenatore. Il tecnico attualmente in panchina è sotto contratto fino a giugno 2022 con un ingaggio da 12 milioni di euro netti all'anno, a libro paga c'è pure Spalletti fino al prossimo 30 giugno. La speranza di molti tifosi è che allora sarà ancora disponibile Allegri.

Oggi è in agenda l'assemblea dei soci del club nerazzurro, che presenterà il bilancio consuntivo 2019/2020 con perdite per 100 milioni di euro. Come si legge su La Repubblica, l'Inter ha chiesto e ottenuto dai calciatori di pagare a febbraio 2021 gli stipendi di luglio e agosto 2020.

Marotta, che ha voluto Conte, continua a ribadirgli fiducia in pubblico. Il presidente Steven Zhang concorda da Nanchino, dove sta lavorando al cambio di sponsor da Pirelli a un altro colosso cinese. La verità sul rapporto fra l'allenatore e l'Inter la dirà il mercato di gennaio. Se il club venderà Eriksen e acconsentirà a comprare altri giocatori d'esperienza funzionali al gioco dell'ex ct come Kolarov e Vidal, significherà che l'asse tiene e sarà segno che il matrimonio può durare ancora.