Inter ko, Spalletti spiega: “Sbagliate troppe cose semplici”

Luciano Spalletti ottimista in vista di Genoa-Inter: "Non voglio sentir parlare di depressione. Di Francesco? La Roma dovrebbe avere più punti".

L'Inter cade per la prima volta in campionato e lo fa davanti al proprio pubblico contro la nuova Udinese di Oddo. Luciano Spalletti prova a spiegare le cause della sconfitta al termine del match.

Intervistato ai microfoni di 'Mediaset Premium', l'allenatore nerazzurro spiega cosa non è andato: "Ce la siamo andata a cercare, nel secondo tempo non abbiamo saputo gestire la palla. Siamo stati timidi nelle scelte da prendere, loro sono stati bravi. Oggi non ci è girata tanto bene".

Spalletti continua analizzando il match: "Nessuno poteva presagire quello che è successo all'inizio del secondo tempo, ora andremo ad analizzare e fare quelle cose che ci hanno portato fino a qua. L'aspetto fisico mi è sembrato a posto, nel secondo tempo abbiamo sbagliato tecnicamente cose abbastanza semplici".

La situazione in classifica è comunque molto positiva, Spalletti non fa drammi: "Secondi se vince il Napoli? Il gruppo di testa ha fatto un girone in volata, chi si siede un attimo rischia di essere superato. Non volevamo questo, eravamo decisi e convinti per evidenziare la nostra crescita".

Sul fronte mercato l'allenatore nerazzurro non si sbilancia: "Facciamo parlare la società. Ausilio è un direttore sportivo, la società è la proprietà, penso che Ausilio non sappia la possibilità di spesa, se no si fa come a giugno quando sono girati duemila nomi ma non si sono potuti prendere. Mi avete detto che qualcuno vuole andare via... si fa il punto della situazione e si guarda cosa c'è intorno".

Ai microfoni di 'Sky Sport', Spalletti aggiunge altro alla lettura tattica: "Non ci è andata bene per tante situazioni, anche in fase di conclusione. Non ci aspettavamo un inizio di ripresa così".