Inter, Oaktree alza il tiro: non solo prestito, punta al controllo del club

·1 minuto per la lettura

Un'altra vittoria, l'Inter non è mai sazia e nonostante lo scudetto già conquistato supera anche la Roma e si prepara alla prossima sfida con la Juventus. Nel frattempo la società è al lavoro sugli altri fronti che agitano le acque fuori dal campo. Dalla questione stipendi, con la possibilità di non tagliare le due mensilità ma spostarle al prossimo esercizio assieme ai bonus, agli stranieri della rosa (soprattutto quelli che hanno mercato) restii ad andare incontro alle esigenze nella proprietà. E proprio riguardo alla proprietà arrivano nuove indiscrezioni.

NON SOLO PRESTITO? - Se resiste l'interrogativo sul perché Suning, trovandosi in difficoltà, non abbia accettato di cedere il club a Bc Partners (che aveva comunque presentato un'offerta inferiore alle richieste della società di Pechino) ma abbia preferito la strada del prestito, ma anche su questo fronte nulla si è ancora concretizzato. Ancora in corsa Bain Capital e Oaktree, ma per questi ultimi le condizioni potrebbero essere diverse: secondo quanto riferito da Il Corriere dello Sport infatti, il piano del fondo americano non si limiterebbe al prestito ma punterebbe, attraverso una serie di passaggi, al controllo dell'Inter. Parti sempre al lavoro, la trattativa prosegue.