Intercettazioni, M5s: avanti con lotta alla corruzione

Pol-Afe

Roma, 27 feb. (askanews) - "Le misure contenute nel decreto intercettazioni che oggi la Camera licenzierà definitivamente sono un passo avanti fondamentale nella lotta alla corruzione. Ci sono novità importanti che consentiranno un equilibrio solido tra investigazioni e il diritto alla riservatezza dei cittadini. L'equiparazione tra le figure del pubblico ufficiale e dell'incaricato di pubblico servizio consentira' inchieste più approfondite per stanare la diffusa illegalità che attanaglia il nostro paese: abbiamo semplicemente fatto riferimento al codice penale che già la prevede. La retorica del grande fratello, della spia che entra nelle case di ciascuno di noi, è solo che un basso tentativo di fermare questa azione riformatrice". Così i deputati M5S in commissione Giustizia.

"Per quanto riguarda l'uso del cosiddetto trojan, infatti, la nuova legge non fa che stabilire regole certe entro le quali utilizzare questo strumento di intercettazione già ampiamente utilizzato fino ad oggi. Noi abbiamo semmai evitato il Grande Fratello", concludono.