Internet: elleEenne, una web serie a misura di bambino per 'imparare divertendosi'

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

In questo periodo di lockdown molti bambini sono costretti dentro casa e i tempi di esposizione di fronte al computer e ai social aumentano notevolmente. Da qui nasce l’idea de La Casa Rossa srl di creare dei contenuti sicuri che possano far divertire i più piccoli. Elle e Enne (che nella vita sono Luca Cloblizch e Natalia Gemmano, due giovani attori cresciuti nei miniclub dei villaggi turistici) protagonisti della nuova web serie disponibile su YouTube, grazie a semplici gag, cercano di “insegnare divertendo”: non aprire la porta agli sconosciuti, tenere al corrente di tutto (in particolar modo di quello che succede nei social network) i propri genitori, non rispondere a messaggi di estranei e lottare fino in fondo per raggiungere i propri obiettivi. Tutto il processo creativo è stato seguito da un équipe di esperti del web e psicologi. Vista l’importante funzione pedagogica affidata al duo, spesso si ritrovano ad affrontare temi importanti, come l’ecosostenibilità, il bullismo o le discriminazioni razziali. Proprio quest’ultimo tema è quello affrontato oggi in un video lanciato sul profilo Tik Tok di elleEenne (elleennetiktok).

"Oggi si celebra la giornata mondiale contro le discriminazioni razziali. È triste pensare che ancora oggi ci siano persone che giudicano altri solo per il colore della loro pelle - spiegano - Da qui nasce l’idea degli autori di elleEenne di utilizzare un forte strumento come quello dei social per lanciare un messaggio alla popolazione più giovane: la diversità è ricchezza, cultura, bellezza, crescita. Con una semplice domanda, anche piuttosto banale, si prova a far nascere un pensiero: 'le farfalle, che sono così colorate e diverse tra loro, vi piacciono?'. Pensiamo proprio di sì, anzi più sono colorate e più ci sembrano incantevoli. Questo parallelismo è stato utilizzato per cercare di spiegare l’inutilità del razzismo ai bambini provando a gettare un piccolo seme in un terreno fertile come la loro mente, sperando germogli il prima possibile".